Articoli e Notizie

SERENI E UNITI

09/03/2021



image

SERENI E UNITI
Mettere da parte quanto successo a Seregno, dentro e fuori il campo, e ripartire. Perché c’è ancora quasi un intero girone da disputare. E soprattutto, c’è subito una diretta concorrente da affrontare. In vista dell’impegno di domenica con la Real Calepina, oggi è stato il giorno del ritorno in campo per il Fanfulla al Restelli di Tavazzano. Una prima seduta d’allenamento che ha visto tutti i giocatori a disposizione di mister Ciceri scendere sul rettangolo verde con la massima decisione per tornare a riconquistare la vittoria nel fine settimana che sta per arrivare. Una partita che il Guerriero affronterà con diverse assenze, Serbouti, Baggi e Bertelli sicuramente viste le espulsioni rimediate dai primi due e la squalifica per il raggiungimento delle cinque ammonizioni da parte del terzo. Ma le frecce a disposizione di mister Ciceri ce ne sono diverse, tra questi Davide Bernardini, a Seregno pronto a gettarsi nella mischia per un pareggio che, in doppia inferiorità numerica, sarebbe comunque potuto giungere.

“Nonostante fossimo in nove, la sensazione era che la partita la si potesse pareggiare, prendendosi magari un angolo o una punizione sulla trequarti. C'era appunto la sensazione anche dal campo che con uno spunto si potesse andare a riprendere una partita che si era messa male. Anche perché, con noi in nove, loro non hanno mai cercato di andare a chiuderla veramente e quindi ci credevamo nel poter recuperare il gol di svantaggio. Sicuramente erano 3 punti che ci avrebbero fatto comodo per la lotta playoff, però le partite sono ancora tante e le possibilità di poterci arrivare ci sono e io, come penso tutta la squadra, ci crediamo in questa cosa. Il fatto di giocare subito domenica senza riposare è sicuramente un vantaggio perché ci permette di trovare continuità nello scendere in campo e non perdere il ritmo partita”.
#forzavecchiocuorebianconero