Articoli e Notizie

MENTALITÀ

27/05/2021



image

MENTALITÀ
Una stagione lunghissima, che mette a dura prova, oltre alle capacità fisiche di ogni singolo giocatore anche quelle nervose tra continui stop, ripartenze, rinvii e sospensioni. Fondamentali quindi sono due aspetti in una stagione 2020-2021 che rimarrà sicuramente nella storia, non solo del Fanfulla per il record eguagliato di vittorie ma appunto per quanto appena detto: condizione fisica e forza mentale.
Aspetti su cui i giocatori del Fanfulla hanno sempre lavorato dall’agosto scorso quando è partita la preparazione. Un anno fa praticamente tra Lodi, Cavenago e poi la definitiva sede del Restelli. Sempre presente, tra i tanti, anche Bertelli, centrocampista classe 2000 alla seconda stagione con la maglia del Guerriero. Ad una prima parte di campionato con pochi minuti raccolti invece si è aggiunto un 2021 sino ad ora con tante apparizioni e prestazioni sicuramente positive nel centrocampo di mister Ciceri che lo ha utilizzato prevalentemente da interno destro.

“Stiamo affrontando un lungo campionato, molto particolare, con tanti stop e ripartenze a farne da padrone. Lavorando però in un gruppo così bello ed affiatato è stato tutto sommato facile mantenere un livello alto di concentrazione. Siamo riusciti a raggiungere grandi obiettivi e far capire la nostra forza. Ogni singolo giocatore ha potuto mostrare sino ad ora le sue qualità”.

E appunto tra questi c’è anche Bertelli, sempre pronto ad aggredire l’avversario per poi far ripartire i suoi. Benché della categoria sia già avvezzo, l’esperienza di quest’anno sta portando nuove consapevolezze e momenti di crescita.

“Tornando al gruppo appunto, oltre a rendere più facile il lavoro, mi ha consentito di imparare ancora molto. In particolare, ho capito che non bisogna mai e poi mai mollare, bisogna sempre stare sul pezzo ed essere pronti. Ed è stato importante in questo campionato, mentalmente duro. Ma, lavorando con serenità e voglia di fare, tutto passa in secondo piano”.

Non è però ovviamente ancora il momento di tirare le somme visto che all’appello mancano ancora tre partite e i playoff. Almeno quattro gare quindi, con possibilità ovviamente di quinta come tutti sperano. Si parte domenica con il Crema alla ricerca di punti playoff, magari rosicchiando proprio qualcosa al Fanfulla in ottica secondo posto.

“Ci stiamo noi stessi giocando ancora tanto. È sicuramente bello arrivare a sole tre partite dalla fine con la possibilità di ottenere ancora molto, non capita di certo tutti gli anni. E per questo anche l’entusiasmo non si è mai affievolito e continuiamo ad allenarci a gran ritmo. Con il Crema sarà partita vera, ma lo sarà anche con Caravaggio e Tritium che, con obiettivi diversi, stanno lottando per altri traguardi. Noi vogliamo chiudere in bellezza quindi non molliamo nulla”.

Minuti conquistati, maglia da titolare in diverse occasioni pure. Ma nel campionato di Bertelli c’è stato anche il primo gol con la maglia del Fanfulla. Una gran conclusione all’incrocio gli ha permesso di sbloccare la casella realizzativa personale. Ma per il classe 2000 non può di certo finire qui.

“Ho trovato sì il primo gol quest’anno, forse però un po’ tardi. Nelle ultime partite mi aspetto di trovarne subito un altro. Forse l’ho cercato troppo poco nel corso dei mesi passati. Nel calcio bisogna segnare per vincere, quindi la volontà è di andare ancora a segno da qui alla fine. Ovviamente mi interessa a livello personale ma anche e soprattutto per dare una mano importante alla squadra”.
#forzavecchiocuorebianconero