Articoli e Notizie

FINE DELLA CORSA

19/05/2019



image

FINE DELLA CORSA
Si chiude oggi la stagione 2018-2019 del Fanfulla. Sotto il nubifragio di Reggio Emilia il Guerriero esce sconfitto 3-1 in rimonta per mano dei padroni di casa della Reggio Audace. Una partita che il Fanfulla è andato vicino, vicinissimo a conquistare, ma alla fine qualche distrazione di troppo e qualche episodio da rivedere condannano i bianconeri. Mister Ciceri alla vigilia lo aveva detto, qualche accorgimento tattico ci sarebbe stato ma nessuna rivoluzione o avventati cambiamenti: e così il tecnico bianconero parte con Colnaghi in porta, linea a quattro composta da Premoli, Luoni, Zanoni e De Stefano. A centrocampo Brognoli, Rossi e Laribi mentre in attacco Galazzi parte da destra e Barzotti e Fall creano incertezza con il loro continuo svariare da una parte all’altra del fronte offensivo. Certa è una cosa invece, che il Guerriero esce a testa altissima dai playoff dopo un campionato meraviglioso. La sconfitta fa male, soprattutto se si pensa che al 37’ della ripresa il risultato era di 1-0 proprio per il Fanfulla. Un vantaggio meritatissimo e arrivato al 17’ del secondo tempo, dopo i primi 45’ in cui è stato soprattutto lo studio a fare da padrone e solo due grosse occasioni occorse (una sui piedi di Sanat e una di Brognoli). Poi la solita incursione in area di Fall, schiarato come prima punta dal 1’ del secondo tempo con Radaelli e Galazzi larghi e Santonocito da mezzala che trasforma il 4-3-3 in 4-2-3-1 in fase offensiva, ha aperto la partita: sul dischetto Brognoli è glaciale e con tanto di cucchiaio porta avanti i bianconeri. La Reggio Audace sembra in confusione, il Guerriero potrebbe azzannare definitivamente la partita, c’è anche in fallo su Santonocito da vedere e rivedere, ma l’1-0 rimane fino al 37’ quando Dammacco viene messo in area da Luoni. Altro rigore ed altra rete, questa volta a firma di Zamparo. Fanfulla che rimane anche in dieci a pochi secondi dalla fine dei tempi regolamentari quando Luoni viene espulso per doppia ammonizione. Si va quindi ai supplementari, con il Guerriero che può solo segnare per conquistare la qualificazione alla finale. Ad andare in gol sono però i padroni di casa con Zamparo che sfrutta una palla in area di Cavagna per chiudere battere per la seconda volta Colnaghi dopo essersi aggiustato la palla sul destro. Qualche parola di troppo vola tra le due panchine, Ciceri, così come il team manager locale Malpeli, viene allontanato. L’inizio di ripresa chiude definitivamente i giochi: cross di Dammacco al 2’ per Ponsat che arriva da dietro ed insacca di testa il 3-1. Fanfulla che comunque non molla, cerca ancora qualche incursione nonostante fossero ben tre le reti da mettere a segno in meno di 15’ per assicurare la qualificazione. Il risultato però non cambia, la partita finisce 3-1 per la Reggio Audace che sfiderà il Modena. Si chiude così un’annata per il Guerriero che verrà comunque ricordata a lungo per il quarto posto in campionato e per essere andato vicinissimo al colpaccio al Mapei Stadium in una semifinale playoff in cui il Fanfulla ha fatto il Fanfulla e ha meritato gli applausi di tutti i tifosi arrivati da Lodi.

REGGIO AUDACE-FANFULLA 3-1

Marcatori: 17’ st Brognoli (rig.), 37’ st (rig.) e 9’ 1ts Zamparo, 2’ 2ts Ponsat

REGGIO AUDACE (4-3-1-2): Rossi; Masini (1’ st Palmiero), Cigagna, Spanò (12’ 1ts Alvitrez), Bran (14’ st Rozzio); Cozzari (8’ st Staiti), Cavagna, Pastore; Sanat (24’ st Dammacco); Ponsat, Zamparo. A disp. Venturelli, Casanova, Bardeggia, Piccinini. All. Antonioli
FANFULLA (4-3-3): Colnaghi; Premoli, Luoni, Zanoni, De Stefano (1’ st Radaelli); Brognoli, Rossi, Laribi (1’ 2ts Palmieri); Galazzi (30’ st Arodi), Barzotti (24’ pt Santonocito, 1’ 1ts Patrini), Fall. A disp. Boari, Reali, Cappato, Pezzi. All. Ciceri

Arbitro: Scarpa (Collegno)
Assistenti: Filip-Allocco (Torino-Bra)

Note: angoli 5-6; ammoniti Cigagna, Cavagna e Masini (RA), De Stefano, Laribi, Zanoni, Galazzi, Brognoli, Rossi, Arodi, Santonocito (F); espulso Luoni al 48’ st per doppia ammonizione, Ciceri e Malpeli al 12’ 1ts e Pezzi al 7’ 2ts per proteste; recupero 1’+3’+2’+1’